fbpx

Estate, riscopri il tuo sorriso!

Con la bella stagione e la possibilità di togliere finalmente la mascherina all’aperto avere un bel sorriso bianco e in salute diventa importante per sentirsi a proprio agio.

Infatti, i denti bianchi rappresentano una delle caratteristiche estetiche più desiderate e ricercate perché sono sinonimo di bellezza, rendono piacevole non solo il sorriso ma anche l’aspetto generale e contribuiscono a far sentire la persona più sicura di sé.

E’ convinzione comune credere che un sorriso splendente corrisponda a un sorriso sano. E’ davvero cosi?

In questo articolo, Medicenter Il Tuo Dentista di Famiglia, oltre a rispondere a questo quesito, ti spiegherà come prenderti cura dei tuoi denti in modo da poter sfoggiare un sorriso smagliante e soprattutto in salute!

Una delle pratiche più richieste dai pazienti è quella dello sbiancamento dentale: procedura che permette di migliorare il colore dei denti rendendoli visivamente più bianchi. Il trattamento professionale viene effettuato mediante sostanze chimiche schiarenti attraverso tre procedure alternative:

    1. L’«home bleaching»nIl paziente procede allo sbiancamento a casa propria. Il medico dentista fa preparare dall’odontotecnico, sulla base di un’impronta individuale, un cucchiaio che il paziente riempie con un gel sbiancante e che indossa più volte.nLa durata del trattamento dipende dalla tonalità di bianco auspicata.
    2. L’«in office bleaching»nI denti possono essere sbiancati anche nello studio medico dentistico, in tal caso si parla di «in office bleaching». Dopo la pulizia dei denti, si coprono le gengive per proteggerle e sui denti da trattare viene applicato un gel sbiancante ad alta concentrazione. Il trattamento viene ripetuto finché non si raggiunge la tonalità di bianco auspicata. Nello studio medico dentistico vengono utilizzate sostanze sbiancanti con una concentrazione nettamente più alta rispetto a quelle usate con l’home bleaching.
    3. Il «bleaching interno»nLa tecnica chiamata «walking bleach» è il metodo utilizzato per sbiancare i denti devitalizzati dopo una cura endodontica. In questo caso, l’agente sbiancante viene introdotto direttamente all’interno del dente attraverso una piccola apertura praticata nella parte posteriore del dente, che viene poi chiusa con un’otturazione provvisoria.

Denti bianchi vuol dire denti sani?

La nostra risposta è no. La decisione di sbiancarsi i denti è legata soltanto all’estetica, il bleaching non ha nulla a che vedere con la salute dei denti. Generalmente, anche i denti che tendono al grigio o al giallo possono essere perfettamente sani.

Ma da cosa dipende il colore dei denti?

L’alterazione del loro colore naturale può essere determinata sia da fattori interni che esterni.

L’alterazione del colore dovuta a fattori interni può essere causata:

    • Dal naturale processo d’invecchiamento che tende a scurire i denti;
    • Da un trauma ai denti (un colpo a un dente può, per esempio, provocare un’emorragia all’interno del dente che, in un secondo momento, può modificarne il colore);
    • Da taluni medicinali assunti durante la formazione del dente;
    • Da un trattamento endodontico (col passar del tempo i denti trattati possono diventare più scuri).

Le colorazioni superficiali alterate legate a fattori esterni, invece, sono provocate da abitudini di vita errate o da determinati alimenti (come il tè, il caffè o il vino rosso), dal fumo o da alcuni specifici medicinali.

Generalmente, per togliere i depositi colorati lasciati da queste sostanze basta un’accurata pulizia professionale dei denti che però, ricordiamo, va ben oltre agli aspetti meramente estetici.

Infatti, molto spesso la pratica dello sbiancamento viene erroneamente paragonata a quella dell’igiene orale professionale, ma non sono la stessa cosa.

Come spiegato pocanzi, se la prima ha un fine puramente estetico perché si va ad agire correggendo eventuali differenze di colore nello smalto, la seconda ha una funzione anche e soprattutto curativa e di prevenzione con lo scopo di verificare lo stato generale della bocca e di rimuovere gli accumuli di placca e tartaro.

Un sorriso bello e sano passa dalle buone abitudini, da una puntuale pulizia professionale, da un’accurata igiene orale casalinga, ma, non dimentichiamolo, anche da una corretta alimentazione!

Sì, perché la salute dei denti è influenzata da ciò che mangiamo. Infatti tra le cause più comuni della formazione di carie, infiammazioni e discromie dentali, troviamo la scorretta alimentazione.

I cibi che possono alterare la salute e/o il colore i denti sono quelli con un ph acido (bibite gassate o energetiche, aceto o sottaceti), cibi che contengono pigmenti (caffè, mirtilli, vino rosso, tè nero, curry, salsa di soya, barbabietola, caramelle e dolci) e carboidrati raffinati (pane bianco e crackers).

Ecco allora 8 consigli utili per preservare il benessere dei denti e avere un sorriso smagliante:

    1. Evita o riduci l’assunzione di cibi e bevande che tendono a causare danni e pigmentazioni;
    2. Prediligi cibi anticariogeni (che contrastano la formazione di carie) o cariostatici (alimenti neutri in quanto non hanno azione diretta sulla carie). Rientrano nella prima categoria tutti quei cibi che contengono minerali preziosi per la salute dello smalto, non sono appiccicosi, non sono acidi, e sono senza zuccheri o a basso contenuto. Quindi frutta secca a guscio (mandorle, noci), verdure fibrose e crude (carote, finocchi, lattuga), frutta non zuccherina (pere, mele con la buccia), formaggi stagionati e acqua. Mentre fanno parte della categoria cariostatici la carne, il pesce (cibi proteici), la maggior parte delle verdure (cotte e morbide) e infine i formaggi freschi e le uova;
    3. Usa una cannuccia quando bevi liquidi che possono macchiare o cariare i denti;
    4. Bevi un bicchiere d’acqua dopo aver mangiato! L’acqua svolge un’azione di autodetersione, antimicrobica e lubrificante
    5. Non fumare (la nicotina rilascia sui denti depositi che li rendono più scuri e irrita le gengive);
    6. Cerca sempre di lavare i denti circa 20 minuti dopo ogni pasto;
    7. Utilizza collutorio e filo interdentale per una pulizia più profonda;
    8. Fai visite periodiche dal tuo dentista di fiducia.

Vuoi sapere di più? Il tuo Dentista di Famiglia ti aspetta nel centro Medicenter più vicino a te, richiedi una visita!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna su