fbpx

Impianti dentali senza bisturi – la tecnica flapless

Impianti dentali senza bisturi – la tecnica flapless

L’implantologia è una branca molto importante dell’odontoiatria perché consente a chi ha perso uno o più denti di ripristinare l’estetica e la funzionalità della propria bocca, superando i disagi derivanti da questa condizione. Spesso però il pensiero di un impianto viene allontanato dalla paura dell’intervento o del dolore post-operatorio, perché non si è a conoscenza dei grandi progressi tecnologici nelle procedure e dei conseguenti vantaggi per i pazienti.

In questo articolo, Medicenter il tuo dentista di famiglia vi parlerà della tecnica di implantologia senza bisturi (flapless) con cui l’inserimento di un impianto diventa una procedura micro-invasiva e quasi completamente indolore.

 

 Gli impianti dentali senza bisturi sono una soluzione per tutti i pazienti che temono il dentista e gli impianti dentali. Questa tecnica infatti prevede solamente la realizzazione di piccoli fori nella gengiva, senza tagli o esposizione dell’osso e ciò rende l’intervento meno invasivo e di conseguenza riduce al minimo il dolore post-operatorio.

Per questo motivo molti optano per questa tipologia di intervento che consente di ripristinare il sorriso con il massimo del confort.

Gli impianti dentali realizzati con la tecnica flapless sono considerati interventi chirurgici minimamente invasivi. Per eseguirli non si tagliano i tessuti, pertanto non sono necessari punti di sutura. Il paziente non andrà incontro a sanguinamenti e l’area trattata presenterà meno infiammazioni e gonfiore, così il dolore post-operatorio sarà ridotto al minimo.
Per innestare questi impianti è necessario seguire linee guida di pianificazione molto specifiche.

Le condizioni dei denti del paziente vengono analizzate in modo approfondito al computer; con lo scanner intra-orale viene realizzata un’immagine in 3D e si pianifica con una precisione millimetrica il punto in cui posizionare l’impianto, cercando di evitare le aree dei tessuti molli.

Le tecniche di implantologia non chirurgiche, sono il risultato dei progressi compiuti nell’uso dei materiali e nella progettazione delle innovative protesi dentarie. Se prima l’unico modo per inserire un impianto era aprire la gengiva, esporre e perforare l’osso, oggi queste tecniche meno invasive stanno diventando sempre più diffuse.

Chi può sottoporsi a questa tecnica?

Affinché il paziente sia idoneo ad essere sottoposto a questo tipo di intervento di implantologia senza bisturi, di solito non sono necessarie particolari caratteristiche, ma è necessario ci sia abbastanza osso, altrimenti questo metodo dovrà essere escluso.
Questo perché in caso di assenza di tessuto osseo non sarebbe possibile effettuare la pianificazione di precisione necessaria. Chiaramente dovrà essere uno specialista a fare queste valutazioni.
Per assicurarsi che la procedura sia applicabile viene eseguita un’analisi approfondita per valutare in modo specifico le condizioni ossee, in modo da valutare il trattamento più appropriato in base al caso clinico.
Durante la prima visita viene eseguita una TAC e uno studio completo della bocca per verificarne lo stato di salute, il modello viene poi riportato al computer, dove tramite rendering viene analizzato a fondo per assicurarsi che ci sia abbastanza osso e per individuare esattamente dove posizionare l’impianto. Con queste informazioni, si potrà eseguire l’intervento computer-guidato dove il medico sarà guidato nell’individuare il punto esatto in cui eseguire la perforazione avendo già prestabilito la posizione di ciascun impianto.

I vantaggi degli impianti dentali senza bisturi

Con la tecnica “senza bisturi” il posizionamento degli impianti diventa un’operazione molto semplice, al dentista potrebbero bastare meno di dieci minuti a seconda che debba posizionare solo un impianto o più impianti dentali senza bisturi. Generalmente, viene utilizzata un’anestesia molto leggera, la stessa con cui viene estratto un dente o viene eseguito un riempimento. In totale, l’intervento può richiedere circa un’ora.

Nel caso in cui il paziente possa sottoporsi a questo tipo di intervento, sono numerosi i vantaggi. Innanzitutto la possibilità di errore è ridotta al minimo perché viene fatto uno studio preliminare molto meticoloso e gran parte del lavoro viene svolto con un computer. Inoltre come detto, il trattamento è di breve durata e gli impianti vengono posizionati nel giro di pochi minuti.

Anche la possibilità di imprevisti viene ridotta al minimo, quindi la possibilità che questa tecnica comporti complicazioni è estremamente bassa. Tutto viene precedentemente calcolato e pianificato con attenzione ed in questo modo il chirurgo interviene in totale sicurezza.

Come già accennato sono significativi i vantaggi anche per quanto riguarda il recupero, che sarà più veloce, dato che non sarà necessario il riassorbimento osseo, e privo di sanguinamenti, non dovendo attendere la chiusura dei punti. Tutto ciò si traduce in un risultato più confortevole per il paziente che, potrà tornare subito alla normalità e a godersi il proprio sorriso riabilitato.

Se anche tu hai bisogno di un impianto e vuoi sapere se sei idoneo ad un intervento con la tecnica flapless, puoi rivolgerti a Medicenter il tuo dentista di famiglia, puoi richiedere una visita senza impegno direttamente QUI.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scroll to Top